Partito Democratico

 

Il Partito Democratico propone l’elezione del presidente della Commissione europea e la creazione di un ministro delle Finanze europeo, libero di emettere EuroBond, cioè un nuovo titolo di debito europeo, sicuro e appetibile sul mercato che possa aiutare a ripianare il debito pubblico italiano che il Pd vuole ridurre dal 132% al 100% in dieci anni.

 

 

 

 

Il Partito democratico promette di rispettare il rapporto del 3% tra debito pubblico e Pil, ma chiede di togliere le spese per cultura e sicurezza dalle regole fiscali europee e dai limiti del patto di stabilità.

I democratici propongono anche di creare delle liste transnazionali nel Parlamento europeo, cioè votabili in tutta gli Stati dell’Ue alle prossime elezioni del giugno 2019 e di istituire il servizio volontario europeo.

 

 

Sul fronte dell’accoglienza migranti il PD propone di superare il Trattato di Dublino che obbliga il migrante a rimanere nel paese dove arriva, quasi sempre Grecia o Italia, in attesa che sia accettata la sua richiesta di asilo.

Il Partito di Matteo Renzi propone anche di creare un fondo europeo di difesa per finanziare una guardia costiera e di frontiera comune per garantire il buon funzionamento di Schengen.

 

 

Francesco Cafarelli, per Europhonica